In questo giorno.

Sarebbe come accarezzare roccia, nuda pietra senza consolazione. Come avere spilli a scorrere nel mio sangue invece che stelle a pungere la notte. Ricomporre in immagini le impronte dei tuoi occhi è stato il mio dire e il mio non dire. Il mio giorno senza peso e l’attesa della luna. Il mio mare mai innocuo, il labirinto bianco di squame lucenti, da sfiorare in controluce, senza invenzioni né poesie.

Poi accadde. Tu hai ricomposto i segreti dell’amore in gocce di madreperla. Li hai gettati sulla spuma delle onde per farne farfalle, hai premuto le labbra contro il vento e pronunciato qualcosa (di mai esistito prima, forse) in una lingua straniera. Vuote costellazioni, senza madre e senza tempo. Essere io uno di questi astri con rosse radici che affondano la terra e luce e ancora luce, senza incertezze, così che nessun ramo mi abbandoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...