Variazioni.

 

E un deserto dorato, come se qualcuno tutt’intorno avesse divorato l’alba.

Però sei qui, ancora.

Arrivi nei miei sogni, apri le mie mani lentamente e disegni forme argentate di animali immaginari.

Io ti guardo e ti vedo guerriero a conficcare la spada nella luce. E allora l’anima mia chiama il tuo nome e insieme a te si fa prima acqua e polvere d’oro, poi due fiori viola a intrecciarsi sulla terra. E ancora piume azzurre, cieli schiacciati sulla neve, pietre di verdi lussuosi e blu puri e brillanti.

E infine, un canto vasto come la notte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...