Il viaggio | Lei

Lei si alza. Si guardano. Non si parlano. Lei: tu, tu non saresti mai andato via…io lo sapevo…mai…non mi avresti mai lasciata. Avremmo continuato ad andare al fiume, io a baciarti gli occhi, tu a raccontarmi di cieli sazi e pianeti di rose. Avremmo continuato e essere così, il segreto silenzioso di noi. Lui: (piano) mai…non avrei mai potuto. Non potrei mai. Lei: saremmo rimasti … Continua a leggere Il viaggio | Lei

La panchina senza angeli

Pubblico con molto piacere una bella recensione (che a mio parere travalica meravigliosamente nella poesia stessa) a cura di Giancarlo Sammito dell’opera poetica di Filippo Parodi edita da Fondazione Mario Luzi ( la cui lettura è anche da me caldamente consigliata).   Carezzare un angelo, ovvero: coitamus, ergo sumus O forse io sono soltanto una figura a metà,
intravista un istante, un’invenzione della mente, un’apparizione tanto … Continua a leggere La panchina senza angeli

Mappe dorate (di te)

Un peso sugli occhi che non va via. Le parole, creature di nebbia. Atene in autunno ha un’aria mordida di pioggia e mare. Lui, il mare, non lo vedi. L’estate è conservata sui volti bruni e i desideri di cielo blu. Nessun Amore ancora scioglie l’enigma e osserva oltre i pianeti e le terre del vento. La bocca gemella riluce di sale e scaglie d’argento. … Continua a leggere Mappe dorate (di te)

L’incantesimo

Tu sei l’incantesimo dentro di me e io l’incantesimo dentro di te. Mi dicevi. Ostinata ricerca. Se ne andavano gli occhi ma precedeva il nostro cuore. Su quella lastra di vetro tra te e me c’era un’ incrinatura. Ogni giorno più evidente. Ogni giorno più profonda. Una vena sottile. Azzurra. Era  azzurra di quell’azzurro marino che a volte sembra verde a volte blu. In alcuni … Continua a leggere L’incantesimo